Concerti

Nel periodo di Capodanno si terrà una serie di spettacoli all’aperto e all’interno di splendidi edifici.

Pantheon, Basilica di Santa Maria dei Martiri

Piazza della Rotonda, Rome

Il Pantheon è una degli esempi meglio conservati e impressionanti di architettura antica che rimane tuttora una meraviglia architettonica. La sua cupola era la più grande del suo genere quando fu costruita quasi 2.000 anni fa e incredibilmente è ancora oggi la più grande cupola non supportata al mondo. Questo tempio mozzafiato, dedicato ai dodici dei greci e al Sovran o monarca vivente, fu inizialmente commissionato dall'imperatore Agrippa tra il 25 e il 27 a.C. Il Pantheon che vediamo oggi fu ricostruito tra il 118 e il 125 d.C. dall'imperatore Adriano. L’ oculo, un foro di 7,8 metri di diametro, situato al centro della cupola, è aperto e permette alla pioggia e alla neve di entrare. E’ l'unica fonte di luce nel tempio e vuole rappresentare una connessione diretta tra gli Dei superiori e coloro che si trovano nel tempio. Nel 608 d.C. Papa Bonifacio IV fece trasferire i resti dei martiri cristiani dalle catacombe romane al Pantheon convertendolo così in luogo di culto cristiano al quale fu dato il nome di Chiesa di Santa Maria dei Martiri. All’interno della Basilica si trova l'ultima dimora del pittore Raffaello e della regina Margherita di Savoia, che ha guadagnato fama internazionale come ispirazione per la pizza Margherita.

Concerti futuri:

Chiesa Santa Maria in Portico Campitelli

Piazza di Campitelli, Roma

La chiesa originale, il santissimo Oratorio di San Gala ospitava la veneratissima icona della Vergine Maria. Secondo la leggenda, l’icona apparve un giorno sull'altare in risposta alle preghiere recitate per salvare Roma dalla pestilenza che nel 1665 dilagava nella città. Poco tempo dopo, Papa Alessandro VII chiese all'architetto Carlo Rainaldi di progettare e costruire una chiesa più grande, dandole il nome di Santa Maria in Portico Campitelli in onore dell'icona. L'attuale chiesa in stile barocco fu completata nel 1667 e ospita la famosa icona racchiusa nella splendida Gloria degli angeli in stucchi dorati situata dietro all’altare. La chiesa ospita anche una meravigliosa collezione di arte, affreschi e statue incluso il più antico santuario mariano di Roma risalente al 1073. Nel 1747 Henry Stuart, figlio di Bonnie Prince Charlie, divenne cardinale diacono della chiesa e iniziò la tradizione della Preghiera perpetua, che è ancora recitata ogni sabato sperando nel ritorno della Chiesa d'Inghilterra alla fede cattolica.

Concerti futuri:

Basilica Sant’Andrea della Valle

Corso Vittorio Emanuele II, Roma

Questa magnifica chiesa Teatina fu fondata nel 1524 e dedicata a Sant’ Andrea, il patrono di Amalfi la cui famiglia aveva promosso la costruzione della chiesa originale. La costruzione della chiesa iniziò nel 1591, con il completameto della facciata barocca nel 1665. Si tratta di un’ impresa architettonica impressionante con alti soffitti a botte, interni decorati e dipinti straordinari. Il sontuoso affresco, che ricopre quella che viene considerata la terza cupola più grande di Roma, dopo quelle di San Pietro e del Pantheon, fu dipinto dai grandi artisti del Barocco, Lanfranco e Domenichino ed ha fissato i criteri di disegno e creazione artistica per decenni successivi. Puccini rimase talmente colpito da Sant’Andrea della Valle da ambientarvi il primo atto della Tosca. Ricordatevi di visitare i corpi imbalsamati dei Supremi Pontefici, Pio II, imparentato con la famiglia Amalfi, e Pio III che dal 1623 riposano in questa chiesa. Potrete trovare la tomba del Cardinale Teatino San Giuseppe Maria Tommasi nella cappela con il crucifisso ligneo.

Concerti futuri:

Chiesa di Santa Maria dei Miracoli

Piazza del Popolo, Roma

Santa Maria dei Miracoli è una delle due chiese risalenti al XVII secolo in Piazza del Popolo, la cui gemella è Santa Maria in Montesanto. La storia di questa bellissima chiesa narra che, nel 1325, una donna invoco’ un’immagine della Madonna perche’ salvasse il suo bambino caduto nel fiume. Il bambino miracolosamente si salvò e di conseguenza fu costruita una cappella vicino al fiume per custodire l'icona. Essendo vicino al fiume, la chiesa sopravvisse a molte alluvioni tuttavia, nel 1590, l'icona originale fu spostata a San Giacomo. Nel 1662 papa Alessandro VII ordinò di erigere un coppia di chiese per fornire uno sfondo monumentale all'ormai popolare Piazza del Popolo ed in una di queste chiese doveva essere ospitata l'icona. Progettata, in stile barocco, da Rainaldi, Santa Maria dei Miracoli fu terminata nel 1678. Da notare, sono le dieci statue sulla facciata, tutte progettate nella scuola del Bernini. All'interno della chiesa è possibile ammirare l'affresco all'interno della cupola raffigurante la Colomba dello Spirito Santo. Sopra l'altare è possibile vedere l'icona miracolosa della Beata Vergine sostenuta da quattro angeli e la parte anteriore dell'altare che presenta un rilievo in bronzo de “L'ultima cena”.

Concerti futuri:

Piazza del Popolo,

Roma

Di stile neoclassico, Piazza del Popolo è una delle più grandi piazze di Roma, situata in prossimità della porta settentrionale, Porta del Popolo, dalla quale nell’antichità partiva la principale via diretta al nord e attraverso la quale fino alla nascita della ferrovia, tutti i visitatori potevano godere del primo scorcio di Roma. E’ qui che venivano eseguite le esecuzioni pubbliche, di cui l’ultima risale al 1826. L’obelisco egiziano al centro della piazza è il più alto e antico di Roma. Portato a Roma nel 10 A.C. per ordine di Cesare Augusto fu eretto inizialmente nel Circo Massimo e trasferito poi in Piazza del Popolo nel 1589. Sul lato nord della piazza, protette dalle chiese gemelle di Santa Maria dei Miracoli e Santa Maria in Montesano, si trovano le tre vie dello shopping, che i romani chiamano “ Tridente”, via del Corso, Via del Babuino,Via di Ripetta che costituiscono il percorso della Parata del Primo Gennaio.

Concerti futuri:

Il Festival di Frascati.

Frascati

Frascati è un’idillica cittadina dei colli Albani situata a 21Km da Roma (si trova nella periferia sudorientale della capitale) resa famosa dal suo vino bianco secco, dall’aristocratica villa Aldobrandini, dalle stradine a ciottoli e dalla magnifica vista sulla pianura che circonda Roma. Piazza San Pietro, il cui nome deriva dalla Basilica di Frascati del XVI secolo che si affaccia sulla piazza, si trova nel centro storico, una zona pedonale molto frequentata. Nella Piazza del Mercato, come si deduce dal nome, oltre alle attivià commerciali fisse, durante il corso dell’anno vengono organizzati mercati artigianali e di prodotti locali che rendono questo quartiere particolarmente vivace e movimentato. Entrambe le piazze vengono usate regolarmente come spazi esterni per i nostri artisti.

Concerti futuri:

La Basilica Papale di San Pietro

Vaticano

Piazza San Pietro si trova sul lato opposto della Basilica di San Pietro nella Città del Vaticano, dove risiede il Santo Padre. La piazza fu disegnata da Gian Lorenzo Bernini insieme al colonnato colossale, composto da colonne doriche che circondano la piazza e sembrano accogliere i visitatori nelle braccia della madre chiesa. Il disegno della Piazza fu scelto per creare uno spazio aperto che permettesse al maggior numbero di persone di vedere il Papa durante la benedizione sia che questa avvenisse dalla facciata centrale o dalla finestra situata nel Palazzo Vaticano. Nel centro della Piazza si trova un obelisco egiziano del 1586, che fa da sfondo a molti concerti all’aperto.

Concerti futuri:

Basilica di Santa Maria in Montesanto

Piazza del Popolo, Roma

La Basilica della Montagna Santa, fu cosi chiamata in memoria del Monte Carmel in Israele dal quale originarono i monaci Carmelitani. Sorella della vicina chiesa di Santa Maria dei Miracoli, dal 1953, la Basilica è conosciuta come la Chiesa degli Artisti e nel corso dell’anno,ogni domenica si celebra una Messa speciale in onore di tutti gli artisti. Terminata nel 1683, cinque anni dopo il completamento di Santa Maria dei Miracoli, la Basilica presenta una cupola ovale, che si distingue dalla cupola rotonda della sua gemella. All’interno della chiesa, il presbiterio, decorato con stucchi ed angeli, ospita la miracolosa pala d’altare del XV secolo, un dipinto della Vergine del Montesanto che si crede sia stata dipinta da una ragazzina undicenne. La seconda cappella è dedicata a Santa Maria Maddalena de Pazzi, in onore della monaca Carmelitana canonizzata da Papa Clemente XI nel 1669. Nel 1825 alla chiesa fu concesso il titolo di Basilica.

Concerti futuri: